Apprendistato: il contratto piu’ conveniente..

7 Buoni motivi per assumere un apprendista

Il contratto di apprendistato, prima dell’entrata in vigore della legge Biagi, era  tra le tipologie contrattuali preferite  dai datori di lavoro.
Oggi il ricorso all’apprendistato è molto meno comune.

Cosa è cambiato?
La nuova Legge ha trasferito le competenze alle Regioni che hanno legiferato a singhiozzo e senza omogeneità.

Il risultato? Una serie di norme pasticciate diverse di Regione in Regione che hanno fatto perdere interesse per questo contratto.

Il  Jobs Act ha fatto un po’ di chiarezza 
E’ quindi tempo di riconsiderarlo come una valida opportunità di rinnovamento, formazione di manodopera qualificata e risparmio per le imprese.
Facciamo una  breve sintesi sui vantaggi dell’apprendistato.

 
Ci sono almeno 7 buoni motivi per sceglierlo:

1. Retribuzione 
La retribuzione dell’apprendista è ridotta.
E’ infatti possibile inquadrare il lavoratore, durante il percorso formativo, fino a  due livelli sotto quello  da raggiungere.
In alcuni contratti collettivi è prevista invece la  percentualizzazione della retribuzione che cresce durante  la formazione, fino a raggiungere il 100% al termine del percorso formativo.
Il risparmio è pertanto notevole.

2. Contributi
Risparmiare sui contributi è oggi considerato un “Must”  per l’impresa che assume dipendenti.
Ebbene, i contributi per chi assume apprendisti sono veramente ridotti.
Modulati diversamente nei vari periodi di formazione, leggermente variabili in base al settore e alle maestranze occupate,   vanno dallo zero  al 17.45% .
Un notevole risparmio  se paragonato con le attuali aliquote contributive in vigore sempre ben  oltre il 35%.

3. Formazione mirata
Il contratto di apprendistato è per antonomasia un contratto a contenuto formativo.
La formazione viene erogata  durante la prestazione lavorativa attraverso il passaggio di competenze dalle maestranze specializzate e qualificate dell’impresa agli apprendisti.
Cio’ significa  avere la possibilità di fornire ai prestatori competenze mirate e  personalizzate  rispetto alle necessità dell’azienda e quindi dipendenti che costituiranno un valore aggiunto per l’impresa.
La formazione obbligatoria per l’apprendista va vista quindi non come un onere al quale sottrarsi, ma come un’opportunità di crescita delle  risorse umane.
E la formazione Teorica?
Puo’  essere convenientemente esternalizzata.

Esistono infatti società specializzate nell’erogazione della formazione per l’apprendistato direttamente in azienda, con propri docenti e  in grado di adattare gli insegnamenti  ai reali bisogni dell’impresa.
Così come puo’ essere esternalizzata  tutta la gestione burocratica degli adempimenti inerenti la formazione e la gestione delle vertenze.

4. Computo limiti numerici
Gli apprendisti non vengono computati nel numero dipendenti previsti da leggi e contratti collettivi per taluni istituti contrattuali.
Vantaggio non da poco  per quelle imprese al limite dei quindici  dipendenti che si troverebbero oggi a fare i conti con la nuova  disciplina delle assunzioni obbligatorie  che obbliga all’assunzione di un disabile già con il quindicesimo dipendente.

5.Licenziamento
Per chi assume con contratto di apprendistato non è dovuto il  ticket  in caso di licenziamento.
Il licenziamento, inoltre,  è sempre possibile al termine del periodo formativo ai sensi dell’art.2118 cc senza particolare motivazione, salvo i termini di preavviso.

6.Risparmio fiscale
Il  costo relativo al personale assunto con contratto di apprendistato è deducibile ai fini IRAP

7.Responsabilità sociale 
L’attività di impresa è,  infatti, anche contributo al benessere collettivo.
Dare un’opportunità  ai giovani senza esperienza di imparare un mestiere e avere una qualificazione adeguata,   riqualificare lavoratori che hanno perso il lavoro,  rappresenta veramente un impegno sociale importante a cui l’impresa  di successo dovrebbe aspirare.

E che dire di tutti quei mestieri  tradizionali con le competenze dei maestri artigiani di tutta Italia che hanno fatto grande il nostro Paese? E’ ora di pensare che è un Patrimonio che va trasferito alle nuove generazioni..non puo’ essere perduto.

Ecco l’apprendistato è una buona opportunità per cominciare a farlo !

 

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *